Home Page  Sitemap  Regolamento  Contattaci
  Viaggi Turismo
   Mare Italia      Crociere   
Sul Web Sul sito
powered by
  Calabria
  Amantea
  Belcastro Marina
  Belvedere Marittimo
  Bivona
  Botricello
  Brancaleone
  Briatico
  Calalunga di Montauro
  Campora San Giovanni
  Capo Colonna
  Capo Rizzuto
  Capo Vaticano
  Cariati Marina
  Cittadella del Capo
  Copanello
  Corigliano Calabro
  Crotone
  Diamante
  Fuscaldo Marina
  Gasperina
  Grisolia
  Guardia Piemontese
  Isca Marina
  Laghi di Sibari
  Mandatoriccio Mare
  Marinella di Cutro
  montauro
  Montepaone Lido
  Nicotera Marina
  Paola
  Parghelia
  Pizzo
  Praia a Mare
  Roccelletta di Borgia
  Rossano
  San Leonardo di Cutro
  San Nicola Arcella
  Sangineto Lido
  Sant Andrea dello Jonio
  Santa Maria del Cedro
  Scalea
  Sellia Marina
  Sibari
  Sibari Marina
  Simeri Mare
  Squillace Lido
  Steccato di Cutro
  Stignano Mare
  Tortora Marina
  Tropea
  Zambrone
  Cerca gli sconti
  All Inclusive
  Bambini Gratis
  Consumi energetici inclusi
  Culla Gratis
  No Tessera Club
  Noleggio Sci riduzione
  Periodo fisso
  Piano famiglia
  Prenota Prima
  Riduzioni bambini
  Scuola Sci riduzione
  Servizio Spiaggia incluso
  Single
  Skipass riduzione
  Soggiorni Liberi
  Sposi
  Terza eta
  Traghetto Gratis
  Vacanza Gratis
  Vacanza lunga
Mare Italia » Calabria
INFORMAZIONI
Superficie15.080 kmq
Popolazione2.054.634
Densità136 ab./kmq
Comuni409
CapoluogoCatanzaro

LINK UTILI
HotelClicca e visita
MeteoClicca e visita

Calabria


mappa calabria (Clicca per ingrandire)
Regione più meridionale della penisola italiana Confina con la Basilicata a nord, affacciandosi al Mar Ionio a est e a sud e al Mar Tirreno a ovest ed è separata dalla Sicilia dallo stretto di Messina. Divisa in cinque province Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio di Calabria e Vibo Valentia; la sua struttura morfologica è molto complessa. Al confine con la Basilicata si erge il massiccio del Pollino, che culmina a 2267 m nella Serra Dolcedorme, spingendo a sud ovest le sue propaggini fino all'insellatura del Passo dello Scalone (740 m). Qui si chiude l'Appennino Lucano e ha inizio l'Appennino Calabro con un allineamento di rilievi, la Catena Costiera (detta anche Paolana), che si allunga compatto  tra la stretta cimosa costiera tirrenica e il profondo Vallo del Crati fino al basso corso del Savuto. Questo vallone, che separa nettamente la Catena Costiera dall'altopiano della Sila, è una profonda fossa longitudinale al sistema appenninico, che il fiume Crati percorre a valle di Cosenza in direzione meridiana prima di attraversare l'ampia e terrazzata piana di Sibari, che si apre tra il Pollino e la Sila. Quest'ultima è una vasta regione di alteterre dall'aspetto alpino, rivestite di fitti boschi di latifoglie e aghifoglie che si estendono fino alla valle del Corace; l'altopiano, che si eleva a un'altitudine media compresa tra i 1200 e i 1400 m, raggiungendo nel monte Botte Donato i 1928 m, presenta pendii scoscesi ai margini e una superficie dolcemente ondulata, attraversata da dorsali e groppe arrotondate. A Sud della Sila la Calabria si restringe, in corrispondenza dei golfi di Sant'Eufemia e di Squillace, in un basso istmo (insellatura di Marcellinara, 251 m); al di là di esso hanno inizio le Serre, che si spingono con un duplice allineamento montuoso fino a congiungersi direttamente con l'Aspromonte. Sul versante tirrenico, tra i golfi di Sant'Eufemia e di Gioia  , si innalza isolato, appena a Nord della Piana di Gioia Tauro, il gruppo granitico del monte Poro (710 m); a Sud di questa vasta conca, caratterizzata da ampi ripiani digradanti al Tirreno, si erge infine l'acrocoro dell'Aspromonte, che tocca i 1955 m nel Montalto (o monte Cocuzza), spingendo a raggiera in ogni direzione i suoi boscosi contrafforti terrazzati.
 
Folclore
il patrimonio folcloristico della Calabria, che trae le sue origini dall'intreccio delle manifestazioni magico-religiose delle antiche culture dei Bruzi e della Magna Grecia, si distingue per alcune manifestazioni tipiche. Ricchissimo è il numero delle feste religiose, fra cui eccellono quelle dedicate all'Assunta o più in generale collegate al culto della Madonna e celebrate, specie in maggio, agosto e settembre, in molti santuari; quelle dedicate al Crocifisso e quelle patronali che onorano in particolare San Francesco di Paola, San Rocco, Sant'Eufemia, i Santi Cosma e Damiano  . Il repertorio dei festeggiamenti comprende, fra l'altro, l'immancabile concerto della banda musicale e gli spettacoli di fuochi artificiali, spesso grandiosi e di altissimo costo, ma è qualificato talvolta da manifestazioni singolari, come: le danze di coloratissimi “giganti” di cartapesta; la “danza dei ceri” di Plataci, eseguita portando sul capo ceste (cinte) sormontate da una corona di candele; la processione degli spini a Palmi, nella quale uomini a torso nudo, piedi scalzi e mani giunte incedono sotto una cappa di spini (una corona per le donne); il “ballo dell'asino” a Roghudi. Molto sentite sono pure le grandi feste annuali: la Pasqua, con processioni cui a volte partecipano i vattienti coronati di spine, i quali alla maniera dei flagellanti medievali si torturano con spilli e punte di vetro infissi in un pezzo di sughero, e il Natale. Anche il Carnevale vive la sua rituale kermesse, con la simbolica rappresentazione in costume dei mesi e del Capodanno a San Sosti. Nel ciclo della vita umana spiccano taluni residui di usanze legate al fidanzamento e al matrimonio (una scapellata o strappo del fazzoletto dal capo della ragazza prescelta in sposa fungeva da simbolico atto compromissorio, così come compromissorio e risolutivo è il rapimento fisico della futura sposa). Profondamente sentita è la manifestazione del lutto: prima attraverso le lamentazioni delle prefiche, il cui pianto funebre (rèpitu) spesso attinge ad alto livello poetico, e con l'annuale lamento ripetuto dagli stessi familiari sulla tomba del morto il giorno di commemorazione dei defunti. L'artigianato presenta tuttora aspetti di vivo interesse folcloristico ed è ampiamente documentato nel Museo di etnologia e folclore calabrese di Palmi. Famosi i tappeti di San Giovanni in Fiore e di Longobucco, i tessuti di lana e di seta (come le pezzare del Cosentino e il vancale, o scialle, di Tiriolo) e le ceramiche (anfore, orcioli, piatti, ecc., specie nella zona di Seminara). Conocchie intagliate secondo forme di antica ascendenza mediterranea, posate e altri utensili di legno sono i prodotti di un'ormai pressoché scomparsa arte dei pastori. Di eccezionale interesse, sebbene molto in disuso, sono i costumi tradizionali, soprattutto quelli femminili, di cui una preziosa raccolta è al Museo Nazionale delle Arti e delle Tradizioni Popolari di Roma. Essi sono tuttora indossati anche nei giorni di lavoro dalle pacchiane (la contadina o la donna di modeste condizioni), soprattutto nell'area silana, nella fascia che va da Sant'Eufemia Lamezia a Nicastro e Tiriolo, nelle aree di Luzzi e di Bagnara. Tuttora identici ai modelli importati dai Paesi d'origine sono i costumi in uso nei centri fondati o ripopolati fra il Quattrocento e il Cinquecento da colonie di profughi albanesi (Spezzano Albanese, San Martino di Finita, Lungro, ecc.), dove sopravvivono anche canti, danze e altri usi originari, e i costumi, soprattutto femminili, dell'isola etnico-linguistica valdese di Guardia Piemontese, dove sussistono, portati dagli antichi profughi piemontesi, il dialetto gallo-italico e varie manifestazioni di poesia popolare.

Gastronomia
La Calabria, sobria e austera, offre alla gastronomia nazionale pochi prodotti, ma tutti di antica qualità: dagli insaccati di maiale (in particolare il capocollo, le salsicce di fegato e le soppressate lagrumuse) alle verdure (peperoni, melanzane, cipolle, olive), alla frutta (agrumi, meloni, fichi), ai pesci (celebri il pesce spada e le trote dei laghetti silani), ai formaggi (butirro rinusu, tuma, impanata, caciocavallo), ai funghi. La cucina calabrese si basa anch'essa su metodi semplici; le cotture sono essenzialmente alla griglia, allo spiedo, al forno. Piatti tipici sono la minestra di fave detta fave a macco, le paste alimentari fatte in casa con l'ausilio di un ferro detto firriettu, il riso in tortiera, le lasagne ripiene o sagne chine, la parmigiana di melanzane, la pitta o pizza ripiena, il morseddu; le carni impiegate sono essenzialmente l'agnello, il capretto e il maiale. Particolarmente numerosi e vari i dolci, confezionati specialmente in occasione delle feste, che conservano le più antiche tradizioni calabre, arabe e greche: le scalille o scaledde, le zeppole di S. Giuseppe, la cuddura di Capodanno, il ciccio e la pignolata per Pasqua e inoltre cicirata, turtiddi, vecchiarelle, mostacciuoli, taralli, ecc. Non molti i vini, ma generosi: tra i bianchi il greco, il melissa e il melitino, tra i rossi il cerasuolo, il savuto, il pollino e il cirò.

  Strutture ricettive in Calabria
  Arcomagno   Baia degli Achei
  Baia degli dei   Baia dei Canonici
  Baia della Rocchetta   Baia Tropea Resort Hotel
  Borgo di Fiuzzi Resort & SPA   Bridge
  Calabritudo Residence   Capo Sant Irene hotel
  Capo Sant Irene residence   Capopiccolo
  Corte dei Greci   Costa degli dei
  Costa di Simeri   Costa Tiziana
  Dei Focesi   Delle Stelle
  Eucaliptus   Floriana Village
  Garden Resort   Germania Hotel
  Golf Village   Hotel Club Belvedere
  Hotel club Cala Longa   Hotel Club Felix
  Hotel Costa Smeralda   Hotel la Pineta
  Hotel la Scogliera   Hotel Nettuno Palace
  Hotel Umberto   I Normanni Hotel
  I Normanni Residenza   Il Borghetto
  Il Cormorano   Il Gabbiano
  Il Gabbiano Azzurro   Il Girasole
  Il Salice   Itaca Hotel
  La Conchiglia   La Darsena
  La Pineta hotel   La Principessa
  La Tonnara   La Villa
  Le Cannelle residence   Le Roccette Mare
  Lido degli Aranci   Lido San Giuseppe
  Limoneto New residence   Majestic
  Maregolf   Marina Bruni
  Marina del Marchese   Meridian
  Minerva   My Villa Eden
  Nausicaa Village   Nausicaa Village
  Nirvana club village hotel   Panorama Club
  Parco dei Principi   Parco Emiri
  Park Hotel Mirabeau   Park hotel residence
  Perla Residence   Porto Kaleo
  Primavera   Residence club Martinica
  Residence Limoneto   Residence Sant Irene
  Riace residence   Rocca di Tropea
  Rosa dei Venti   San Domenico Club Hotel
  Sangrila   Santa Caterina
  Santa Lucia   Sciaron hotel residence
  Scoglio della Galea   Sea Palace
  Serene Village   Sibari Club
  Sibari Green Village   Sol club Arenal
  Sunshine club   Sybaris Hotel
  Sybaris Marine   Torre Marino hotel club
  Torre Ruffa Robinson   Village Paradise
  Villaggio Bahja   Villaggio Calaghena
  Villaggio Casarossa   Villaggio club Altalia
  Villaggio club Cala Greca   Villaggio club Cala Verde
  Villaggio Club Green Garden   Villaggio club la Fenice
  Villaggio club Madama   Villaggio Cora
  Villaggio Dolomiti sul Mare   Villaggio Estella
  Villaggio Guglielmo   Villaggio Hotel Club La Castellana
  Villaggio Hotel Scoglio del Leone   Villaggio L oasi
  Villaggio La Feluca   Villaggio la Florida
  Villaggio La Mantinera   Villaggio la Pace
  Villaggio Le Muse   Villaggio Marasusa
  Villaggio Porto Ada   Villaggio Porto Rhoca
  Villaggio Roller Club   Villaggio Santa Maria
  Villaggio Sayonara   Villaggio Stromboli
  Villaggio Summer Day   Villaggio Torre Sant Irene
  Villaggio Triton Villas   Villaggio Vascellero
  Villaggio W.S. Club Carioca   World Club
News Turismo
Aggiungi ai preferiti
  Newsletter
Ricevi le ultime offerte
Nome
E-mail
Iscriviti Cancellati
  Villaggi Top Calabria
  Baia degli dei
  Baia dei Canonici
  Garden Resort
  Hotel club Cala Longa
  Il Cormorano
  Itaca Hotel
  Marina Bruni
  Marina del Marchese
  Minerva
  Nausicaa Village
  Park Hotel Mirabeau
  Porto Kaleo
  Scoglio della Galea
  Serene Village
  Sunbeach Resort
  Sunshine club
  Villaggio club Cala Verde
  Villaggio Le Muse
  Villaggio Porto Rhoca
  Villaggio Triton Villas

 Home Page  |  Sitemap  |  Regolamento  |  Contattaci
© 2012 Boote S.r.l. Hospitality Company - tutti i diritti riservati - P.iva 03219700790
Telefono 199 440 821 - Bloo Creazione Siti Web